ROTTAMAZIONE DELLE CARTELLE: a che punto siamo?

ROTTAMAZIONE DELLE CARTELLE: a che punto siamo?

L’argomento è di grande attualità.

La “rottamazione delle cartelle” tiene banco nei telegiornali e nei salotti dei talk show…

Avrei voluto parlarne nel blog già da tempo ma la legge continua ad essere ritoccata.

Ne approfitto allora per fare il punto della situazione.

 

LA NORMA

Il D.L. n. 193/2016 ha  introdotto una sanatoria delle cartelle di pagamento e degli accertamenti esecutivi/avvisi di addebito che permette di estinguere il debito evitando di pagare:

  • sanzioni
  • interessi di mora

L’iter di approvazione non è ancora terminato; il decreto passerà all’esame del Senato e dovrà essere convertito entro il prossimo 23 dicembre.

 

LA PROCEDURA

Per avere diritto a questa agevolazione bisogna presentare un’istanza entro il 31 marzo 2017.

Chi l’avesse già presentata può comunque integrarla entro la stessa data.

 

QUALI CARTELLE?

Rientrano nell’agevolazione le cartelle affidate ad Equitalia nel periodo compreso fra il  2000 e il 2016.

La data di affidamento è indicata direttamente nelle pagine della cartella.

 

PIANO DI RATEAZIONE

Il pagamento del dovuto potrà essere effettuato in unica soluzione oppure in modo rateale per un massimo però di 5 rate di dello stesso importo.

I pagamenti dovranno essere effettuati in questa misura:

  • per il 70% delle somme nel 2017 e per un massimo di 3 rate,
  • per il restante 30% nel 2018 e per un massimo di 2 rate.

Gli interessi sono dovuti nella misura del 4,5% a partire dal 1 agosto 2017.

Entro il 31 maggio 2017, Equitalia comunicherà ai debitori l’ammontare complessivo delle somme dovute e il giorno e il mese di scadenza di ciascuna rata.

Per l’anno 2017 la scadenza delle singole rate è stabilita a luglio, settembre e novembre;

per l’anno 2018, la scadenza delle singole rate è fissata ad aprile e settembre.

 

COME FARE PER…

Per godere di questa sanatoria andate sul sito di Equitalia e scaricate il modulo DA1.

Ecco il link:

http://www.gruppoequitalia.it/equitalia/export/sites/equitalia/.content/files/it/Modulistica/DA1-DICHIARAZIONE-DEFINIZIONE-AGEVOLATA.pdf

Si può presentare la domanda in due modi:

  1. direttamente presso gli sportelli dell’Agente della riscossione;
  2. inviando una email alla casella e-mail/PEC della Direzione Regionale di Equitalia Servizi di riscossione di riferimento, allegando il modulo DA1 compilato e firmato in ogni sua parte, insieme alla copia del documento di identità.

Vi terrò aggiornati sul testo definitivo della legge.